PROGETTO DI RICERCA BRIDGE|50

BRIDGE|50 è un progetto di ricerca avviato nel 2017 nell’ambito dei lavori infrastrutturali della Torino-Ceres su iniziativa della società Lombardi Ingegneria e del Politecnico di Milano e consolidato nel 2018 in collaborazione con il Politecnico di Torino mediante un accordo di ricerca con enti pubblici e soggetti privati: S.C.R. Piemonte, Lombardi Ingegneria, Regione Piemonte, Città di Torino, Città Metropolitana di Torino, Torino Nuova Economia, ATI Despe & Perino Piero, ATI Itinera & C.M.B., Studio Ing. Luigi Quaranta. L'attività di ricerca è svolta congiuntamente e in stretta collaborazione dai Politecnici di Milano e Torino e prevede una ampia campagna di indagini sperimentali sulle strutture del viadotto di corso Grosseto, in esercizio da circa 50 anni. Il campo prove è allestito nelle aree di Torino Nuova Economia in gestione e sotto la responsabilità del Politecnico di Torino.

La demolizione del viadotto di corso Grosseto, completata nell’aprile del 2019, costituisce una significativa opportunità per acquisire una base di dati sulle prestazioni residue e sulla sicurezza a ciclo di vita di ponti esistenti in calcestruzzo armato precompresso esposti nel tempo all’azione di agenti aggressivi di diversa natura (emissioni del traffico, attacco da solfati, ingresso di cloruri, ecc.). I dati acquisiti costituiranno una nuova base di conoscenza per gli enti gestori delle reti viarie e potranno essere impiegati nella valutazione della sicurezza e della vita residua di strutture esistenti.

 

Nel campo prove allestito presso le aree di Torino Nuova Economia in zona Mirafiori a Torino sono presenti 29 travi (25 con sezione a I e 4 a cassone) e 2 pulvini. Le attività sperimentali previste comprendono una fase di diagnostica, prove di carico su tutti gli elementi strutturali e prelievi per prove di laboratorio da effettuare presso i Politecnici di Milano e di Torino.

 

Il progetto BRIDGE|50 rappresenta una esperienza unica in ambito nazionale e internazionale e i suoi risultati potranno contribuire allo sviluppo di una moderna progettazione a ciclo di vita dei ponti e alla gestione, manutenzione e messa in sicurezza del patrimonio infrastrutturale esistente.